Torna al blog

A ciascuno il suo top cucina!

A ciascuno il suo. Dai materiali naturali ai compositi, dalle prestazioni più evolute alle caratteristiche estetiche più sofisticate, passando per spessori diversi, finiture, colori e dimensioni personalizzate. Il top in cucina è un componente essenziale per lo svolgimento delle attività quotidiane di preparazione dei cibi ma è anche un elemento che definisce uno stile e conferisce identità allo spazio. Come per tutto l’arredo anche i top da cucina sono stati interessati negli anni da trend e tendenze che hanno decretato l’ascesa, il successo e il declino di alcuni materiali. Oggi la qualità delle lavorazioni e delle tecnologie utilizzate, la perfezione e l’eccellenza della materia prima, l’evoluzione dei processi di protezione superficiale e l’infinita varietà di soluzioni estetiche, permettono a ciascuno di scegliere il top più congeniale in armonia con il resto della cucina ma anche più adatto al lavoro che viene svolto in uno degli ambienti più importanti della casa. Una scelta importante, anzi fondamentale, perché proprio il piano di lavoro è una delle superfici sottoposte a maggior stress della casa, all’attacco di sostanze organiche, chimiche, ma anche soggetto ad urti, graffi, cambi di temperatura repentini. Senza dimenticare come oggi più che mai a un piano si richieda inoltre di essere antibatterico, igienico e facile da pulire. Insomma un elemento su cui si concentra l’attenzione di tutti.

Laminato

I materiali disponibili sono molti e differiscono per qualità, caratteristiche, prestazioni e anche prezzo. A partire dal laminato che dopo lo straordinario boom di alcuni fa aveva conosciuto un periodo buio. Oggi la qualità del laminato plastico ad alta pressione, sia in termini di prestazioni sia di resa estetica ne hanno decreto un graduale ritorno e un nuovo successo. Il top cucina in laminato è idrorepellente, resistente agli urti, i graffi, le abrasioni, mentre la qualità estetica raggiunta permette di riprodurre fedelmente l’immagine del legno, della pietra naturale e di altri materiali oltre che una pressoché infinita gamma di colori.

Grés porcellanato

Grande successo sta riscuotendo oggi il grès porcellanato, materiale ceramico naturale dalle prestazioni eccellenti e dalla grande versatilità estetica. Un materiale compatto, impermeabile e resistente alle macchie e agli urti, ma anche inalterabile al calore, ad acidi e solventi, inattaccabile dai prodotti chimici per la pulizia. La possibilità di dar vita a lastre di grande formato, rende il grès ideale per l’applicazione in cucina perché permette in molti casi di sviluppare un piano anche con una sola lastra. Disponibile in tonalità neutre, ma in grado anche di rievocare l’estetica delle pietre naturali o di riproporre decori nuovi e raffinati grazie all’evoluzione esponenziale della stampa digitale.

Marmi e pietre naturali

Proprio i marmi, i graniti e le pietre naturali stanno recuperando terreno e aumentando il proprio gradimento perché accanto alle texture uniche e straordinarie che solo una materia naturale può avere, possono vantare prestazioni eccellenti grazie al perfezionamento avvenuto in questi anni in merito ai trattamenti superficiali protettivi. Si tratta di materiali pregiati che come tali richiedono qualche accortezza in più nella manutenzione e nell’uso quotidiano ma che restituiscono il fascino inimitabile dell’unicità e dell’essenza più vera della terra, fatta di riflessi, giochi di luce, sfumature delicate, venature più o meno accentuate.

topcucine4.jpg

topcucine2.jpg
Solid surface

I top in solid surface come il Corian fanno proprio dell’uniformità cromatica e della neutralità formale il loro tratto distintivo. Un materiale composito e facilmente modellabile, non poroso, resistente a muffe, virus e batteri con il quale dar vita a soluzioni estetiche di alto livello. La superficie liscia e senza giunture anche tra piano e lavello, assicura igiene e facilità di pulizia. In caso di graffi o piccole scalfitture, la superficie può essere ripristinata. Presenta qualche problema con le alte temperature e per questo occorre fare un po' di attenzione nella posa di pentole e tegami appena rimossi dal piano cottura. Tra i plus ci sono lo sviluppo del piano senza interruzioni, la possibilità di dare vita a forme organiche continue e cromaticamente uniformi, opportunità che lo fanno spesso preferire ad altri materiali.

topcucine3.jpg
Pietra sinterizzata

Negli ultimi anni si sono largamente diffusi i top in pietra sinterizzata a tutta massa che presentano la stessa qualità estetica in tutto lo spessore della lastra, senza utilizzare smalto o stampa digitale sulla superficie, come accade per i laminati o le lastre ceramiche. Resistente, duraturo, privo di porosità e resistente al calore e al gelo, ai raggi UV e ai graffi, il piano in pietra sinterizzata non assorbe liquidi e impedisce l’annidarsi di sporco, muffe e batteri. Anche dal punto di vista cromatico sono disponibili diverse versioni e finiture.

Microresina

Infine il trend in forte crescita dei top in microresina, che presentano una forma e un’estetica di grande fascino e contemporaneità grazie alla possibilità di dar vita a una superficie continua e senza interruzioni. Resistenti e durevoli nel tempo, anche se sensibili a graffi e scalfitture che su superfici lisce e lucide si notano maggiormente, hanno uno spessore contenuto e trasmettono una sensazione di leggerezza a tutto l’insieme. Altamente personalizzabile nei colori e negli effetti, ma anche facile da pulire, idrorepellente e resistente a prodotti chimici e ad acidi.


Confermare l'azione

Sei sicuro di voler eseguire questa azione?

Conferma